L’oro del Giappone

L’oro del Giappone

18.12.2018

 

I primi europei che visitarono il Giappone verso la metà del XV secolo lo definirono un paese d'oro. Già più di tremila anni fa, il metallo giallo veniva estratto dalle miniere e dai depositi dei fiumi delle isole giapponesi.

I maestri giapponesi usavano l'oro non solo per fabbricare gioielli e decorare armi, ma anche per decorare gli interni. A differenza degli artisti di altri paesi, i giapponesi usavano sabbia di oro puro anziché vernice.

 

L'arte Maki-e non ha analoghi nel mondo

Nella foto: un pennello di un maestro maki-e che lavora a oro può essere composto da un solo capello.

 

Maki-e, che vuol dire pittura a polvere, è uno stile di arte decorativa giapponese. Un'immagine è dipinta sulla superficie con lacca, in seguito, una polvere d'oro è sparsa sulla lacca parzialmente secca. Quando la lacca si asciuga, appare un disegno scintillante ma non raffinato, che richiede un'ulteriore lucidatura.

Nella foto: 20 tipi di polvere d'oro per maki-e sono stati fabbricati nelle fabbriche giapponesi, a partire dalla polvere fine fino alla sabbia grossa.

 

Esistono tre tecniche classiche di maki-e:

Takamaki-e - un disegno con schema in rilievo. Gli artigiani creavano il volume aggiungendo carbone alla miscela di sabbia dorata.

Hiromaki-e - la tecnica combina il maki-e tradizionale e l'incisione del contorno, proprietà che conferisce al disegno la sua consistenza.

Tohidashimaki-e - un'immagine dorata rivestita con vernice multistrato e lucidata su una superficie perfettamente piana.

Nella foto: Inro, una piccola custodia portatile per contenere piccoli oggetti, indossata alla cintura. XIX secolo. Maki-e con oro e argento.

 

La storia del maki-e

Gli oggetti Maki-e erano originariamente usati solo da nobili e preti dei templi buddisti. Presto, la famiglia imperiale si affezionò a essa, così come i ranghi superiori dell’esercito. Nel IV secolo a.C., il maki-e divenne molto popolare in Giappone. L'imperatore stesso nominava il capo della corporazione della pittura e dell'artigianato della lacca.

Nella foto: Una scatola per strumenti per la scrittura "Sette poeti sotto la fioritura di ciliegi e pini".

 

I giovani artisti che volevano imparare un'arte complessa ma redditizia, seguivano una lunga formazione nelle scuole della città di Edo. Per disegnare le linee venivano usati pennelli sottili e morbidi, e venivano utilizzati bambù come per la pittura dorata con la sabbia.

Nella foto: Un cassettone per conservare le scritture buddiste: Sutra, decorato con dipinti nella tecnica hiramaki-e.

 

Il processo di verniciatura era di particolare importanza. La lacca era fatta con succo di urushi giapponese. Il succo è stato purificato, quindi evaporato a una consistenza di miele liquido e colorato in nero e rosso. Questa lacca era ben strutturata e levigata, ma ogni strato si induriva in condizioni di elevata umidità solo dopo 24 ore.

Nella foto: Un kit da picnic con crisantemi dorati.

 

A partire dalla metà del XVI secolo fino alla fine del XIX secolo, l'Europa ha sperimentato periodicamente un boom di mobili "laccati giapponesi". I mobili Maki-e laccati originali dal Giappone erano stati molto apprezzati dai ricchi europei. Ora i capolavori di lacca e dipinti d'oro possono essere visti al British Museum, al Metropolitan Museum e, naturalmente, nelle gallerie d’arte giapponesi.

Nella foto: contenitori per la conservazione di incenso o spezie. Simili oggetti decorati con la tecnica del maki-e erano popolari nel diciannovesimo secolo nelle case degli aristocratici europei.

 

L'arte antica nei tempi moderni

Ci sono ancora artisti che padroneggiano l'arte del maki-e. Molti di loro lavorano nel laboratorio dell’esclusivo artigiano di penne Bernard Lyn, che produce prodotti con il marchio "Danitrio". Queste penne sono molto apprezzate dai clienti di tutto il mondo e costano da 2000 a 30000 dollari. Bernard ha scritto un libro sulla tecnica della lacca e sulla pittura a oro che è diventato un manuale utilizzato da molti giovani artisti.

Nella foto: Le penne esclusive "Danitrio" sono dipinte con l’antica tecnica del maki-e. Ci vogliono da sei mesi a un anno per produrre una penna del genere.

 

I prodotti Maki-e sono molto popolari tra i collezionisti di arte giapponese. Sono durevoli e non richiedono cure speciali. È sufficiente che la stanza abbia un livello medio di umidità e pulizia.

 

La qualità dell'oro

L'oro rende ogni oggetto più prezioso. Questa è una delle qualità distintive del nobile metallo. Il fatto che possa aiutare a preservare il risparmio, non è meno importante.

 

L'oro può aiutarvi a ottenere la Sicurezza Finanziaria.

Al negozio online di oro