Il mistero della gravità: la Doccia d’oro del Myanmar

Il mistero della gravità: la Doccia d’oro del Myanmar

08.01.2019

 

Dove si trova: Myanmar, stato del Mon, a 260 km dalla città di Yangon

La Pagoda Kyaiktiyo o Roccia d’oro è un famoso monumento religioso del Myanmar e un popolare sito di pellegrinaggio buddista.

 

La leggenda dell'aiuto dei poteri supernaturali

Secondo un'antica leggenda onorata dai buddisti, 2500 anni fa, due potenti divinità misero un'enorme pietra sul monte Kyaiktiyo. Da allora, un masso di granito si trova proprio sul bordo della sporgenza, come se si stesse equilibrando nell'aria.

Si crede che la pietra sia tenuta ferma dai capelli magici del Buddha, che le evitano una caduta di un chilometro.

Durante una delle sue molte visite sulla terra, il Buddha offrì una ciocca dei suoi capelli a un umile monaco eremita. Il monaco passò questo dono inestimabile al re che governava la Birmania in quel momento. Egli decise di costruire una sacra pagoda sulla cima di un masso e di seppellire sotto di questa ii capelli del Buddha in modo da impedire che la pietra cadesse.

Nella foto: I residenti del Myanmar sono fiduciosi che le più alti poteri divini non permettano al masso di cadere.

 

Divieto per le donne

L'area di contatto del masso con la superficie della montagna è molto piccola. Dal lato sembra che la grossa pietra sia instabile e in qualsiasi momento possa rompere il bordo e cadere nell'abisso.

Nella foto: Per due millenni e mezzo, la massiccia costruzione ha mantenuto misteriosamente la sua posizione.

Curiosità: la leggenda narra che solo una donna sia in grado di spingere giù la roccia sacra. Per questo motivo, alle donne è vietato toccare la pietra dorata e avvicinarsi più di dieci metri al santuario.

Si ritiene che due uomini in buona forma fisica possiedano abbastanza forza per scuotere leggermente questa strana roccia.

 

Gigante d'oro

Questa pietra di granito è ricoperta a foglia d'oro, per abbinarsi alla pagoda dorata che si erge su di essa per 5,5 metri. L'altezza totale del blocco di pietra insieme alla pagoda è di 15 metri. Il diametro del masso è di 25 metri.

La pietra sacra è circondata da un complesso di edifici religiosi e luoghi per il pernottamento dei pellegrini locali. Gli stranieri non sono autorizzati a pernottare nei pressi del santuario. I turisti possono arrivare in auto fino alle pendici del monte Kyaiktiyo, e poi salire tre chilometri in modo indipendente lungo la strada pedonale. Arrivando dal villaggio più vicino per conto proprio, i pellegrini devono percorrere invece sedici chilometri su un terreno roccioso.

Non lontano dal santuario vengono vendute foglie d'oro. Due volte all'anno durante le vacanze buddiste, i credenti hanno l'opportunità di coprire il magico masso con questo oro. In alcuni punti, la superficie del masso è evidentemente ricoperta da un gran numero di strati d'oro.

Nella foto: La vista migliore del "prezioso" macigno e della pagoda è all'alba e al tramonto, quando i raggi del sole brillano sulla superficie dorata.

La Roccia d'oro e la pagoda di Kyaiktiyo sono sacre ai buddisti. Essi credono che colui che ripete il pellegrinaggio a questo santuario tre volte all'anno riceverà ricchezza, onore e rispetto.

 

Leggi anche l'articolo:

Statue dorate del buddha

 

ALTRE NOTIZIE SULL'ORO