Goalset master
Museo delloro giapponese Toi

Museo delloro giapponese Toi

20.01.2020

 

Storia della miniera d'oro

Si ritiene che le attività di estrazione dell'oro siano iniziate nel 1370 a Toi, in Giappone. Una manciata di giacimenti d'oro furono scoperti nel 1577, ma fu il 1601 che segnò il periodo di massimo splendore dell'estrazione dell'oro.

Toi era una delle 60 miniere d'oro della penisola di Izu. L'oro che vi fu prodotto non solo arricchì il tesoro del clan Tokugawa, ma creò anche nuove opportunità per lo sviluppo della provincia.

Nella foto: Una moneta d'oro del periodo Tokugawa.

 

Nel Medioevo, Toi era considerata una città ricca. Numerosi commercianti si trasferirono in città, fornendo rifornimenti ai lavoratori e all'amministrazione della miniera. La città prese il nome di Toi Sengen: "Toi delle 1000 botteghe".

Gradualmente, la miniera divenne meno produttiva a causa dell'allagamento delle sue gallerie. I lavoratori non potevano lavorare in quelle dure condizioni. Le sorgenti di acqua calda e i bassi livelli di ossigeno costrinsero l'amministrazione a installare pompe dell'acqua e ventilatori. La produzione divenne più costosa, mentre l'oro divenne una rarità. La miniera venne chiusa.

Nel 1917, vennero scoperti nuovi giacimenti. Toi divenne la seconda miniera più produttiva del Giappone dopo la miniera d'oro Sado.

Durante il suo periodo di sfruttamento, furono prodotte 40 tonnellate di oro e 400 tonnellate di argento. Una media di 5-10 grammi di minerale d'oro sono stati estratti da una tonnellata di roccia, raggiungendo spesso 30 grammi, e alcune rocce hanno prodotto fino a 600 grammi per tonnellata.

Nella foto: Minerale prezioso del giacimento d'oro Toi, contenente 30 grammi d'oro e 250 grammi d'argento.

 

La miniera chiuse definitivamente nel 1965, ma in seguito trovò una nuova vita. Nel 1980, la miniera d'oro riaprì al turismo come museo. Migliaia di turisti accorrono a Toi per conoscere la storia del luogo e per vestire i panni dei cercatori d'oro.

 

Popolare museo dell'oro

A Toi, si può scendere lungo la miniera per vedere la storia dell'estrazione dell'oro. I robot riproducono la vita e il lavoro dei minatori dell'epoca di Edo. La lunghezza del tunnel in cui si trova l'esposizione storica è di 350 metri e la visita dura quasi mezz'ora.

Nella foto: Il processo di estrazione dell'oro e le procedure di pulizia.

 

Oltre a manichini, si possono trovare altri oggetti interessanti. Secondo la leggenda, grandi lingotti d'oro sono stati puliti nella Fontana d'Oro. Lavare le monete nelle sue acque porterà sicuramente fortuna, riempiendo le tasche di denaro.

Nella foto: I dipendenti devono ripulire la Fontana d'Oro ogni settimana, per rimuovere l'eccesso di monete "fortunate".

 

Il tempio sotterraneo è un santuario di montagna. Si può dire una preghiera ed esprimere il desiderio di veder realizzati i propri sogni. Versare acqua sulla statua del Buddha è un rito indispensabile del tour.

Nella foto: Per la decorazione del tempio viene utilizzata la foglia d'oro.

 

Colossale barra d'oro

Oltre alla galleria sotterranea, nel museo della miniera di Toi si trova anche la Sala d'Oro, ricca di reperti legati all'artigianato delle miniere d'oro. Tra i più singolari è il più grande lingotti d'oro del mondo. Pesa 250 chilogrammi, l'oggetto può essere toccato. Ha il certificato di Guinness, che conferma l'autenticità del record.

Nella foto: La mostra più popolare.

 

Il prezzo di questo lingotto d'oro è di circa 10 500 000 dollari. Stendendolo in un filo sottile, l'intero globo potrebbe venire avvolto 18 volte con esso.

Nella sala si trovano un minerale d'oro, una vecchia nave che trasporta oro e un diorama del paesaggio locale.

 

I turisti lavano l'oro

C'è un posto nel museo che è molto popolare tra i turisti: "Sohitama Kanoyama". Si tratta di una sala appositamente attrezzata per consentire ad ogni turista di cimentarsi nell'estrazione dell'oro.

Nella foto: Se il cercatore riesce ad estrarre 30 grani d'oro in 30 minuti, riceverà un certificato professionale.

 

Il personale del museo aggiunge piccoli granelli d'oro nella sabbia nera, in modo che i visitatori possano estrarli immergendo speciali piastre di plastica in una sorgente calda. I turisti portano a casa l'oro estratto, come souvenir.

L'oro funziona in modi misteriosi. L'anello di vostra nonna potrebbe essere fatto d'oro degli antichi Inca. La storia dell'umanità è nascosta nell'oro.

Scoprite di più sull'enigma di una sconosciuta tribù indiana