Goalset master
Segreti degli antichi tumuli del Kazakistan

Segreti degli antichi tumuli del Kazakistan

06.02.2019

 

Il segreto delle montagne del Kazakistan

350 antichi tumuli hanno custodito segreti sui monti Tarbagatai per 2800 anni. Nel 2016, nel pantheon chiamato "Eleke Sazy", archeologi hanno scoperto oggetti d'oro dell'era degli antichi Saka.

Nella foto: figure dorate di cervi, perle e parti di frecce scoperte nei tumuli.

 

"Eleke Sazy" è un complesso di tumuli situato a un'altitudine di millecinquecento metri sul livello del mare. Secondo archeologi kazaki, il 90% delle tombe è stato saccheggiato molti anni fa da cacciatori d'oro per antichi re. I ricercatori, tuttavia, non hanno mai perso la speranza di trovare una necropoli incontaminata.

Il tumulo fu scelto dagli storici dopo l'esplorazione archeologica e l'analisi dei dati. Il memoriale ha la forma di una collina rotonda con una cima piatta e si compone di diversi strati. Uno strato di erba nasconde la cupola in pietra superiore, che consiste in pietre incastonate con precisione. Sotto di questo si trova uno spesso strato di terra e poi un altro terrapieno di pietra. Al centro si trova la camera funeraria. Dalla camera partono corridoi nelle quattro direzioni. Attraverso tali corridoi, alcuni ladri penetrarono all'interno del tumulo di pietra. Anche qui.

Nella foto: a seguito degli scavi archeologici, la struttura del tumulo è diventata visibile.

 

Oro e armi

I ricercatori hanno trovato un brillante metallo giallo quando hanno ripulito il corridoio laterale del tumulo dalla terra. Forse i ladri, per scappare in fretta, abbandonarono questi tesori e non tornarono a riprenderli. Ciascuno di questi oggetti contiene nuove informazioni per i ricercatori.

Ad esempio, tubi d'oro corrugati erano stati trovati prima nelle sepolture, ma gli archeologi non avevano ancora capito il loro scopo. Quando gli scienziati hanno trovato una freccia di bronzo collegata a un palo attraverso un tubo simile a quelli, hanno potuto determinare che la funzione di questi oggetti d'oro era quella di fissare la punta delle frecce.

Nella foto: per ventotto secoli, la punta della freccia in bronzo è rimasta affilata.

 

Una scoperta incredibile, nel 2016, furono i cervi fatto con foglie d'oro nella tecnica Scythian-Saka, con turchesi incastonati. Differiscono dai ritrovamenti d'oro in altri tumuli in quanto questi animali non hanno corna. Le targhe rappresentanti cervi senza corna sono un simbolo di pace, dicono gli esperti.

Nella foto: si ritiene che il cervo fosse un oggetto sacro per gli antichi Saka.

 

L’oro di un guerriero di diciotto anni

Nel 2018, durante gli scavi di un'altra necropoli dello stesso complesso, gli scienziati scoprirono il luogo di sepoltura dell’uomo d'oro. Un illustre nobiluomo dei Saka fu sepolto con una faretra dorata per frecce, una spada d'oro e una collana realizzata con il prezioso metallo giallo. Gioielli in forma di piatti intarsiati, perline, campanelle e figure di cervi con le corna coprivano il corpo del giovane capo tribù.

Gli archeologi hanno datato la sepoltura al XXII-XVII secolo a.C. e l'età del guerriero d'oro è stata determinata intorno ai diciotto anni. Gli scienziati hanno classificato il suo tipo di aspetto come europeo con una mescolanza di sangue mongolo. Gli oggetti dorati indicano l'importante posizione sociale del giovane.

Nella foto: figure di cervo e parte della faretra dell'uomo d'oro.

 

Il valore eterno dei tumuli

L'oro del quale sono fatti gli oggetti e le armi dei tumuli di Tarbagaty possiede una purezza di 920 millesimi. Le tribù nomadi degli Sciti e dei Saks erano in grado di realizzare gioielli d'oro di alta qualità. Gli archeologi hanno scoperto oggetti d’oro realizzati a calco, e gioielli lavorati a sbalzo e a intaglio, prodotti a foglia d'oro.

Gli scienziati stanno gradualmente scoprendo i segreti dei tumuli del Kazakistan orientale. Lo scavo del complesso di "Eleke Sazy" continuerà nel 2019. Il governo ha deciso di creare un museo e un complesso archeologico sul territorio dell'antico pantheon.

 

Altre informazioni sull'oro degli Sciti